PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

mercoledì 2 novembre 2011

CARTELLA ESATTORIALE NOTIFICATA A SOCIETÀ' ESTINTA

La Corte di Cassazione, con la sentenza 22863 del 2011, depositata ieri, ha affrontato esplicitamente la complessa problematica relativa alla sorte dei debiti tributari in presenza di una società cancellata dal Registro delle imprese.
Il principio, ormai noto, è il seguente: l’art. 2495 c.c. stabilisce che la cancellazione della società dal Registro delle imprese è condizione sia necessaria sia sufficiente per la sua estinzione, quindi non ha rilievo il fatto che, nel momento della cancellazione, fossero pendenti rapporti giuridici, anche di natura fiscale.
Nel caso di specie, la cartella di pagamento è stata emessa nei confronti della società cancellata dal Registro imprese e, a sua volta, il ricorso in Commissione tributaria è stato proposto da un liquidatore che tale non era più, stante l’irreversibile effetto estintivo della cancellazione.
I giudici di Cassazione, affrontando anche incidentalmente varie questioni, stabiliscono innanzitutto che il ricorso proposto dal liquidatore per conto della società cancellata è chiaramente inammissibile, in quanto notificato in nome di un soggetto non esistente. Quindi, è stato accolto il ricorso per Cassazione proposto dall’Agenzia delle Entrate, e la sentenza è stata cassata senza rinvio.
Poi, i giudici affermano che, se il ricorso non poteva essere proposto, la cartella (almeno in tal modo) non poteva essere emessa, in quanto intestata nei confronti di un soggetto non più esistente: ergo, tale atto non era idoneo a produrre alcun effetto.
Questa è la parte più importante della sentenza, siccome chiarisce che il provvedimento impositivo (sia esso un accertamento o una cartella di pagamento) intestato a una società cancellata dal Registro imprese non produce effetti. 
Testualmente, si afferma che “la causa, anche sul versante del potere rappresentativo della [liquidatrice, nda] rispetto a società ormai definitivamente estinta (oltre che dell’interesse a proporre impugnazione avverso un atto comunque insuscettibile di produrre alcun effetto, a ragione della già avvenuta estinzione del soggetto passivo dell’obbligazione afferente), avrebbe dovuto ritenersi insuscettibile di proposizione”. 
È una conseguenza naturale dell’estinzione il venir meno del potere di rappresentanza del liquidatore, il venir meno della successione dei soci alla società, delle azioni dei creditori insoddisfatti, rimanendo ferma la responsabilità del liquidatore per colpa, come prevede l’art. 2495 c.c. 
Allora, se è vero che il ricorso per Cassazione è stato accolto, è innegabile che tale accoglimento non può legittimare alcuna riscossione coattiva nei confronti del liquidatore. I giudici sono stati molto chiari: la cartella è priva di effetti. 
L’Agenzia delle Entrate deve, in casi del genere, notificare apposito provvedimento impositivo (si può discutere sulla tipologia di atto, che a nostro avviso dovrebbe sempre essere inquadrato nell’alveo degli avvisi di accertamento) al liquidatore o ai soci, specificando le ragioni di tale scelta, quindi la colpa del liquidatore, gli estremi della responsabilità ex art. 36 del DPR 602/73 o l’indicazione delle somme ricevute dai soci in base al bilancio finale di liquidazione (presupposto che limita la responsabilità dei soci, in ossequio a quanto disposto dall’art. 2495 c.c.). 
Se così è, non può essere messo in discussione che occorre il rispetto dei termini decadenziali per la notifica dell’atto ai soggetti responsabili, nonché della competenza territoriale (sarà competente la DP di domicilio fiscale non della società, ma del liquidatore o del socio). 
Sempre adottando la suddetta tesi, se la cancellazione avviene a processo instaurato, questo non può essere interrotto e riassunto dai soci, ma deve essere dichiarato estinto per cessazione della materia del contendere, in quanto si tratta di una “morte senza eredi”. 
Fonte: Eutekne

Nessun commento:

Posta un commento