PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

martedì 1 novembre 2011

CESSIONE PARTECIPAZIONI: TASSAZIONE PLUSVALENZE


PLUSVALENZE DERIVANTI DA CESSIONI DI PARTECIPAZIONI DETENUTE DA PERSONE FISICHE


Le plusvalenze derivanti da cessioni di partecipazioni in S.R.L. detenute da persone fisiche, ai sensi dell’articolo 67 T.U.I.R., sono inquadrate nella categoria dei REDDITI DIVERSI e vanno dichiarate nel quadro RT del modello Unico, sia che si tratti di partecipazioni qualificate (quote sociali inferiori al 25% del capitale sociale) sia che si tratti di partecipazioni qualificate (quote sociali superiori al 25% del capitale sociale).
Al momento del trasferimento della quota non viene applicata nessuna tassazione. La tassazione si pagherà in sede di dichiarazione dei redditi.
La tassazione è di seguito illustrata.
1) partecipazioni non qualificate: sulla plusvalenza si paga il 12,5% (20% dal 2012) a titolo di imposta sostitutiva.
La plusvalenza, in questo caso, non fa cumulo con gli altri redditi della persona fisica e si versa in sede di dichiarazione dei redditi con il codice 1100. Si compila il quadro RT sezione I.
2) partecipazioni qualificate: sulla plusvalenza si paga il 40%. Il 40% (aliquota aumentata dal 1/1/2009 al 49,72%) della plusvalenza, in questo caso, fa cumulo con gli altri redditi della persona fisica (si paga sui dividendi anche l’addizionale regionale e comunale; reddito complessivo al netto degli oneri e spese deducibili da quadro RP). Si compila il quadro RT sezione III (scegliendo la tassazione al 40% o al 49,72%). IL CRITERIO E’ QUELLO DI CASSA.

Per le parti che convengono un pagamento frazionato del corrispettivo, la tassazione deve avvenire sulla base di un criterio proporzionale, attribuendo la plusvalenza pro-quota ai diversi periodi di imposta in modo correlato a quella che è la tempistica degli incassi.

Laddove il contribuente realizzi delle minusvalenze per effetto della cessione di partecipazioni queste vanno a ridurre le plusvalenze da tassare. In caso di eccedenza della minusvalenza rispetto alla plusvalenza, la parte eccedente può essere portata (ai sensi dell’articolo 68 comma 3 TUIR)  in deduzione fino alla concorrenza del 49,72% dell’ammontare delle plusvalenze nei periodi successivi, ma non oltre il quarto.

Fonte: Studio Stara

Nessun commento:

Posta un commento